Gi Group


News
Tutto ciò che i media dicono di noi.

News precedente     |    Prossima news   

Grande crescita a livello globale per Gi Group nel 2015


Aumentano fatturato e EBITDA



29 giugno 16

Un miliardo e 600 milioni di Euro di fatturato a livello mondiale, con un EBITDA di 43 milioni di Euro. Gi Group, la prima multinazionale italiana del lavoro fondata e guidata da Stefano Colli-Lanzi, ha chiuso il 2015 con risultati lusinghieri: grazie ad una rete di 500 filiali e circa 2.400 dipendenti di struttura, il Gruppo ha sviluppato un fatturato di 1 miliardo e 600 milioni di Euro, in crescita del 18,2% rispetto al 2014. Anche l’EBITDA è in netta crescita: nel 2015 è stato di 43 milioni di Euro, con un aumento percentuale del 19,35% rispetto al 2014.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2015 – commenta Stefano Colli-Lanzi, CEO di Gi Group. – Il 2015 è stato un anno in cui, complice anche la congiuntura economica positiva, Gi Group ha iniziato a capitalizzare gli investimenti fatti negli anni passati in persone, organizzazione e tecnologie. Un dato molto importante – continua Colli-Lanzi – è la ripartizione del fatturato sviluppato dall’Italia e dagli altri paesi. Ci stiamo sempre più avvicinando ad un 50 e 50, segno che il percorso di internazionalizzazione è ormai effettivo.”

Scorporando il fatturato per Paese, il 52,7% del giro d’affari di Gi Group è stato sviluppato dall’Italia (834 milioni di euro), il 23,7% dalla Gran Bretagna ed il 7% dalla Cina; complessivamente il giro di fatturato dei paesi esteri è stato di 748 milioni di Euro, raggiungendo il 47,3% del fatturato totale (rispetto al 46,9% del 2014).

“Numeri importanti - continua Colli-Lanzi – che posizionano Gi Group tra le prime sei staffing companies europee e tra le prime 18 di tutto il mondo. Per il 2016 vogliamo proseguire in questo trend di crescita, sia attraverso una crescita organica che attraverso acquisizioni mirate che ci consentano di dare forza e completare la nostra value proposition a livello globale. L’obiettivo per i prossimi anni è acquisire un profilo realmente globale e di portare in tutto il mondo l’intero range di servizi HR."




MEDIA CORNER